Il Viaggiatore – 25° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Non riesco neanche a ricordarmi tutti gli incroci, so solo che qualche volta sembra che una gamba o un braccio si possano staccare di colpo.

Finita la tortura quotidiana arriva Jorgo con le ultime notizie. Qualcuno ha filmato la tua esibizione dell’altro giorno e l’ha trasmessa alla Curia di Roma. Questo rende le cose più difficili perché ora sono sulla difensiva.

Fulco con una delegazione è andato a Roma. Credevamo che questo fosse per te il luogo più sicuro, ma ora non ne siamo più certi. È meglio che ci trasferiamo altrove in attesa che le acque si quietino.

Partiamo dopo pranzo. Mi occupo io dei bagagli. Carini, mi portano in giro per proteggermi.

Il riso integrale non era poi così male, ne ho mangiato due piatti. Nel refettorio mi sono divertito però a indovinare la composizione delle pietanze che i camerieri servivano vicino al nostro tavolo, usando la ritrovata funzionalità del mio naso.

Aspetto solo di poterlo provare con il bouquet dei vini preziosi che ora mi posso permettere. Usciamo in truppa su due auto elettriche. Arturo, Jorgo, quattro guerrieri e le gemelle che non vedevo da due giorni. All’infuori dei sogni erotici. 😉

Saliamo su di uno stratoplano con una decina di posti, dalle forme spigolose, sembra un bombardiere militare. Anche l’interno è spartano, c’è un odore dolce, di plastica nuova.

I piloti ci informano delle condizioni atmosferiche e aprono la busta della nostra destinazione segreta. Chiedo a Jorgo come possiamo sfuggire ai controlli aerei e lui mi spiega che il nostro è uno stealth francese, un velivolo invisibile ai radar, stiamo andando in India, in un eremo sulle montagne più alte del mondo.

Ha preso degli abiti pesanti perché c’è la neve. Il decollo è piuttosto turbolento perché già a mille metri ci infiliamo diritti in un cumulo nembo, quelle nuvolette bianche a forma di cavolfiore in grado di sbrindellare in un attimo un aereo di linea.

Sbucati nel sole, voliamo tranquilli. Arturo m’invita in cabina e mi fa assaporare il magnifico spettacolo delle nuvole e del cielo blu scuro dell’alta quota, quasi nero. Tra me e me chiedo ad Arra cosa succederebbe se andassimo in stasi proprio ora. Rimarremmo dentro l’aereo oppure no?

In stasi posso compensare solo il movimento della terra nello spazio e non quello dei veicoli. La stasi annulla anche la nostra inerzia, perciò quando tornassimo reali ci troveremmo nel punto esatto dove siamo spariti, cioè fuori dall’aereo a velocità relativa zero.

Quindi saremmo senza aria e sottoposti alla gravità. –

– Potresti tentare di tenere il fiato per un paio di minuti fino a quando la caduta ci portasse dove l’aria torna respirabile. E poi potremmo levitare fino a terra.

– E se lo facessimo sopra il mare ? –

Potrei solo tenerti a galla mentre avviso la marina di qualche paese che ci venga a prendere.

Ne ho imparata un’altra, dormicchio un poco, niente spumante, niente salmone affumicato, niente camerieri in divisa. Ines o sua sorella, mi ha portato un the di erbe. Berlo mi fa sembrare di essere ammalato.

continua…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...