Il Viaggiatore – 40° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

13° giorno sabato 28 set

Senza nessuno che mi svegli apro gli occhi che sono quasi le dieci. L’orario di colazione è passato. Esco in una mattinata di pallido sole e m’infilo nel primo posto che odora di caffè.

Cafè Noir è un franchising con il personale in divisa, ma il cafè au lait è decente e le due pastarelle, che si chiamano amandines, sono ottime. E via, sono diretto alla biblioteca sempre aperta e ci passo il resto della mattinata.

Mentre confronto le cronologie storiche dei potentati del mondo, imparo a conversare con Arra senza neanche muovere le labbra.

Comincio a tracciare le varie possibilità, il secondo dispositivo il Due, come l’ho battezzato è comparso nel 1448. Il primo, anzi la prima, sospetta è Lucrezia Tornabuoni, in quell’anno dà alla luce Nannina e l’anno dopo sarà l’ora di Lorenzo il Magnifico.

La sua intelligenza e la sua scaltrezza potrebbero essere state aiutate da Due. La sua influenza aumenta considerevolmente, fa sposare a suo figlio un’Orsini. Ottiene la porpora Cardinalizia per suo nipote che diventerà poi papa Leone X.

Crea movimenti culturali, influenza notevolmente il suo secolo. Alla morte potrebbe aver lasciato Due a Lorenzo che finanzierà lui il viaggio di Colombo nelle Indie.

La famiglia de Medici è tuttora una delle famiglie più potenti. Oppure, in Portogallo nello stesso anno Beatrice d’Aviz, già sposa di Ferdinando del Portogallo e sarebbe diventata madre di Manuel I il Fortunato. Il finanziatore di Vasco de Gama, Bartolomeo Diaz, Pedro Alvarez Cabral ecc.

La famiglia d’Aviz possiede tuttora, metà delle miniere d’oro del mondo. Sempre nello stesso anno Vasilij II Vasilevič Tëmnyj, padre di Ivan III il Grande, dopo il concilio di Firenze, decide di separare la chiesa Ortodossa da quella Cattolica.

Federico d’Asburgo stipula il concordato di Vienna con la Santa Sede e diverrà quattro anni dopo Federico III del Sacro Romano Impero. Le finanze Asburgiche fino allora scarse cominciano a crescere in modo miracoloso.

Sempre nel quarantotto Frederik II Hohenzollern reprime la rivolta dei berlinesi consolidando il potere della sua casata che si evolve fino ai giorni nostri.

In quegli anni in India sembra non succeda nulla di rilevante. A Ceylon però Parâkramabâhu VI comincia a unificare il regno e due anni dopo conquista anche Jaffna. Il suo successore scaccerà poi i Portoghesi che arriveranno nel 1505.

Anche nel Brunei Sultan Bolkiah allarga il suo regno da Singapore alla Filippine e la stessa famiglia regna ancora adesso sullo stato ricchissimo di petrolio.

Uffa si sta facendo complicato. Sto tracciando i contorni della mia strategia, non voglio stare qui a fare da esca per capire chi mi vuole danneggiare. Ora dovrei diventare veramente invisibile. I dispositivi di security sono a posto. Le transazioni economiche sono coperte. Cambierò comunque albergo tutti i giorni per ora.

Vediamo in Inghilterra… dunque Margaret Beauchamp of Bletso la bisnonna di Enrico VIII, vita lunga per l’epoca, settantasette anni, tre matrimoni, porta i Tudor alla vittoria intessendo la guerra delle rose. Potenziale alto.

Arra non mi suggerisce nulla, lo so che non può, devo trovare io il metodo. In Francia in quel periodo potrei prendere in considerazione Luigi XI il Prudente e suo figlio Carlo VIII del casato Valois, che qui non muore per uno stupido incidente nel 1498.

Il cervello mi va in pappa se non mangio qualcosa. Esco e compro un sacchetto di castagne arrosto all’angolo della strada. E’ uno sfizio non un pranzo, ma non ho voglia di sedermi e cammino verso un’area dove vedo esserci più gente.

continua …

Il Viaggiatore – 38° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Arriviamo al secondo aeroporto, dall’altra parte della città. I viaggiatori si fermano per vedere chi scende dalla limousine.

L’autista corre ad aprirmi la porta e scendo, in pantaloni neri stazzonati, giaccone proletario verdone, scarpe infangate e cappellaccio da spaventapasseri.

Qualche bocca spalancata, occhi sgranati, mi sento fuoriposto, sorrido, faccio ciao con la mano. Scortati da una guardia, che ci attende zelante, passiamo velocemente attraverso le formalità aeroportuali.

Riguadagno il mio posto sul nostro veicolo. Anche Arturo mi abbraccia, e s’informa sul mio stato di salute. Mi consulto con lui sui fatti accaduti.

– Possiamo ormai escludere che il Papato sia stato il mandante dell’ultimo attacco o questo potrebbe essere un nuovo tentativo del Pontefice di concludere la trattativa in un modo vantaggioso? –

– Sei veramente diabolico Marco, forse anche paranoico, ma in fondo potresti anche avere ragione. Non escludiamo nessuna possibilità e teniamo gli occhi aperti. –

Metto vestiti puliti e pesanti, non fa caldo inutilmente nei veicoli militari. Decolliamo fra poco e io ho un piano per questo volo, ma non dico nulla, perché cinque o seimila chilometri sono ancora un sacco di strada.

Mi siedo io davanti nel posto del secondo e appena decollati, parlo a circuito chiuso solo col comandante. Quello che voglio è cambiare la rotta, lo so che si consuma più carburante a non andare diritti per l’ortodromica, ma una volta individuata la nostra direzione, poi siamo prevedibili.

Quindi rotta sud, sud-ovest per dieci minuti voliamo bassi. Chiedo intanto ad Arturo se ci sono altri posti dove possiamo andare invece che a Navarra.

Perplesso mi snocciola una serie di possibili rifugi. Uno mi colpisce la fantasia, le Temple in pieno centro di Parigi.

– Andiamo a Parigi. –

Dico al pilota e lui mi risponde che è un’area con molto traffico ed è difficile essere preso in carico dal traffico aereo civile, con un bombardiere stealth.

Faccia come vuole, ma avvisi la torre di controllo solo all’ultimo momento possibile e gli chiedo pure di evitare di sorvolare il mare per tratti più lunghi di due minuti.

Mi guarda ancora più perplesso, borbotta qualcosa, ma non chiedo ad Arra di dirmi cosa pensa. Sono più tranquillo ora e qui, senza sobbalzi mi appisolo. Atterriamo in un piccolo aero club vicino alla città.

La torre di controllo sarà alta sì e no cinque metri. Prendiamo due taxi e andiamo in centro.

Arturo chiama il custode per far preparare le camere per fratelli e pellegrini. Nessuno sa che siamo qui. Chiedo a Jorgo qualche notizia storica francese. Se per caso una de Medici si fosse imparentata con i Valois o i Borboni. Si gli sembra che qualcosa del genere sia accaduta nel millecinquecento, ma non ricorda esattamente.

Non è che m’interessi particolarmente la storia francese di questa dimensione, era una curiosità di tipo gourmand, giusto per capire le influenze della cucina italiana su quella locale.

Con mia sorpresa non vedo la tour Eiffel. Qui la Bastille non è mai caduta e la celebrano ancora come la lussuosa prigione, residenza dal Cardinale Richelieu.

continua…

Il Viaggiatore – 37° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

12° giorno venerdì 27 set

Colazione con delle sfogliate calde ripiene di noci che si chiamano keta. Da bere solo the nero. Chissà se lo digerisco.

Per fortuna ha smesso di nevischiare, l’aria è pulita con un sentore di fumo di legna. La corriera è puntuale, piena di gente con pacchi e fagotti. Dietro a me una contadina ha una stia stipata di polli vivi sulle ginocchia, ovviamente puzzolenti.

Il biglietto mi costa cinque monetine di alluminio. La strada è asfaltata, stretta e piena di buche. Il conducente va come un pazzo e strombazza a più non posso. Guida a scatti e non riesco a rilassarmi.

Nei primi cinque minuti abbiamo già rischiato tre incidenti mortali. Un ciclista per evitare di essere maciullato è finito in un campo. Poi ci fermiamo di continuo, è un omnibus a richiesta.

La porta davanti è aperta e chi vuol scendere si piazza lì in piedi, di fianco al pilota da corsa. Quando un pedone lungo la strada vuole salire, agita il fazzoletto e si procura una fermata nuova.

Altro che quattro ore… ogni poco sale un venditore con una cesta di mercanzia edibile. Mandarini, Melograni, frittelle di pane che chiamano tukalik. Tutto per un soldo.

E’ incredibile come i venditori riescano a intrufolarsi nel pienissimo torpedone, sgusciando tra la gente con il cestone sulla testa. Neanche il procedere a singhiozzo li scompone.

Quando hanno finito il giro scendono per prendere il bus successivo, suppongo.

Comunque non ho resistito ho preso i… tukalik, erano ancora caldi… fritti nell’olio di sesamo, penso… ricoperti di zucchero semolato scuro. Cibo di strada, il mio preferito.

I miei vestiti proletari mi mascherano abbastanza, non per la bambinetta del sedile davanti che continua a guardarmi. Per lei il trucco non è bastato, i bambini, prima che la scuola li rovini, 😛 sono creature estremamente intelligenti e sensibili.

Se non fosse per i continui scossoni sarebbe anche un viaggio divertente. Dopo ore di villaggi e cittadine il traffico aumenta vertiginosamente. Le case sono più alte, più grigie.

Ho chiesto al conducente stamattina se passiamo vicino all’aeroporto prima del capolinea. Mi ha assicurato che mi avvisa lui.

Arra una volta tanto non mi può aiutare. Non esistono mappe integrate nella Repubblica Socialista Armena e un aeroporto è una struttura considerata segreto militare.

Non esistono mappe elettroniche, potrebbe leggerlo nella mente dei locali, ma ci vorrebbe un sacco di tempo per trovare chi sappia dove sia. Il mio orologio segna l’una e finalmente il conducente che ci ha miracolosamente portato fino a qui, mi avverte:

– Gospodin… Aeriporto. –

Si ferma e scendo. Neanche il tempo di dire graz… ed è già sparito in una nuvola di fumo cancerogeno.

C’è un bivio sì, con delle scritte nei loro caratteri puntuti e incomprensibili. Per fortuna vedo anche l’icona di un aeroplanino e m’incammino in quella direzione.

Sono in una periferia eufemisticamente sporchina. Qui mezzi non ce n’è, procedo spedito traendo beneficio dalla rinnovata scioltezza delle mie gambe, private dal dolore alle ginocchia.

Solo qualche giorno fa la mia camminata era lenta e circospetta, ora sento anche i muscoli della schiena che si rilassano. Dopo qualche chilometro tra sfascia-carrozze, depositi di materiali edili e campi di sterpaglie arrivo alla rete che circonda l’aeroporto.

E’ un lungo giro. Chiamo Jorgo per sapere dove siano. Sono a Tbilisi da stamattina presto, in uno dei tre aeroporti, naturalmente non quello dove sono avventurosamente arrivato.

No problem, vengono a prendermi con una macchina. Passa una mezz’ora durante la quale tre aerei mi assordano, sembra quasi che si abbattano su di me, ma loro non mi vedono neppure.

Arriva una limousine nera con autista. L’unico veicolo che c’era a noleggio, mi spiega Jorgo mentre mi abbraccia fino a farmi scricchiolare le ossa.

– Per un momento abbiamo creduto che fossi morto. Quando siamo atterrati i nostri rapitori hanno frugato dappertutto per ore, cercando doppi fondi o nascondigli segreti. Poi solo dopo una doppia ricerca, hanno concluso che quello che cercavano non c’era. –

continua…

Il Viaggiatore – 35° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

– Bel cappello straniero, cosa stai cercando qui? –

– Sto cercando una macchina per andare a Tbilisi. –

– Ah, qui di macchine non ce ne sono… –

E fa un giro largo intorno a me, scrutandomi con aria canzonatoria.

– Posso pagare il disturbo con dieci dinar. –

– Ah, tu puoi pagare il disturbo… –

Fa cenno ad un compagno di avvicinarsi e lo informa.

– Lo straniero vorrebbe tanto una macchina per andare a Tbilisi e vorrebbe pure pagare il disturbo. –

– Eh sì, è proprio un disturbo andare a quest’ora a Tbilisi, perché non vuoi stare qui con noi, forse non ti piace Tsnori? –

E fa cenno ad un altro di avvicinarsi. Non mi piace proprio come si sta sviluppando la situazione. Sono cinque in tutto, ormai intorno a me come in un girotondo. Sono assolutamente sicuri della mia inferiorità, quella umana. Ma loro non sanno.

– Ragazzi non voglio grane (chissà come tradurrà queste parole Arra) se volete guadagnare dei soldini bene, altrimenti andate a casa. –

– A casa? Noi siamo a casa, casa nostra straniero e se hai tanti soldini da buttare perché non ce li dai adesso? –

E si avvicinano ancora. –

– Arra accecali tutti. –

Approfitto subito del loro handicap e li colpisco velocemente con manrovesci, calci e gomitate. Al mio primo interlocutore riservo una bella ginocchiata nelle palle, che doppio con la mano di taglio sul coppino, come nei film.

Aiah! Non sapevo che facesse così male picchiare qualcuno! Lascio che Arra ripristini loro la vista, mentre i malcapitati strisciano via, sorpresi e rantolanti. Solo il primo è rimasto rannicchiato a terra col fiato mozzato.

– Allora ragazzo dove eravamo rimasti, t’interessano ancora i soldini? –

Rantola.

– No… noo… non ci sono macchine. –

Mi verrebbe da dargli un altro calcio in soprannumero, ma non è bello infierire.

Entro nel Municipio per chiedere se sia possibile noleggiare qualche macchina. Mi spiegano che nessuno mi porterà oggi. Hanno fatto le elezioni ieri e per due giorni, durante lo spoglio, c’è il coprifuoco dal tramonto all’alba.

C’è una locanda dietro alla piazza, mi assegnano un ragazzo che mi può accompagnare. I passanti mi additano, la mia fama di invincibile riccone è già in circolo.

Il letto è bitorzoluto, ma la locanda profuma di pulito, con un vago sentore di lavanda secca. Stendo i miei pantaloni neri su misura, sullo schienale dell’unica sedia della camera.

Non ho nulla da fare e dopo essermi rinfrescato in una bacinella d’acqua gelata, torno in piazza.

Entro da una porticina nell’unico bazar di alimentari. Mille anni fa il loro studio era il mio mestiere. Chissà perché in quelli piccoli prevale sempre l’odore acre dei detersivi.

L’assortimento dei cibi è da paese socialista. Scatole di barbabietole, barattoli di cetrioli in tutte le forme e dimensioni. Patate grigie ammucchiate in una catasta contro il muro.

Tre tipi di formaggio tipo feta, in bacinelle di plastica dal colore indefinibile. Quel colore che si ottiene nel bicchier d’acqua per pulire il pennello, quando si usano gli acquarelli.

L’unico articolo che abbonda di scelta sono le salcicce, i salami di macinato. Però non sono insaccati nel budello naturale, bensì in improbabili tubi di plastica dal rosso scuro al giallo paglierino in tutte le gradazioni e i formati possibili.

Grasso, Grassissimo, ancora più Grasso e Grasso Puro Extra. 😛

I biscotti sono polverosi, gessosi colorati in rosa e verdolino. Hanno l’aria di appiccicarsi al palato appena messi in bocca. Le etichette sono terribilmente fuori moda.

In fondo a un cunicolo trovo però una vetrinetta con il caviale del Caspio. Me ne prendo una scatoletta da un quarto di libbra per stasera, quello a grani più grossi. Cerco uno spazzolino da denti e anche un rasoio usa e getta.

Il negozio è labirintico, una specie di consorzio agrario, c’è anche un reparto con le macchine agricole e la ferramenta. Ci sono anche gli abiti da lavoro, la scelta è uguale a quella del negozio di prima.

continua …

Il Viaggiatore – 34° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Non ho soldi con me e racconto che sono stato derubato, ma posso trasferire del denaro sul suo conto o se c’è qualche tipo di banca per poterlo ripagare. Qui in campagna usano solo le monete mi dice.

Niente monete niente viaggio.

Beh! Ho ancora l’orologio, è un Porsche Design di acciaio, ci sono affezionato è un regalo di mia moglie. Glielo do in pegno, sperando di trovare una cash machine in paese. Si calma un po’ e andiamo a tavola.

Preghiera cristiana prima di mangiare, tenendosi per mano, io sono tra due bambini. C’è uno stufato con poca carne e tanti tuberi e rape, ma è caldo e gustoso, biscottoni di pane nero e latte di capra. Il fuoco scoppietta, la mia camicia è quasi asciutta.

Mi rivesto saluto i bambini e sono pronto per il viaggio.

Il triciclo a combustione va poco più veloce che a passo d’uomo e ci mettiamo mezz’ora per arrivare in un paesotto abbastanza grande. La pioggerella mista a neve ci sorprende senza riparo, seduti su un asse di legno a cavallo del carretto.

Mi calo il cappuccio e spero nell’impermeabilità della mia giacca ormai disastrata. Il mezzo di trasporto principale qui è proprio il triciclo. Sulla piazza centrale ci sono anche una ventina di auto di cui solo due elettriche e anche una banca per fortuna.

Non voglio perdere il mio orologio. Entro accompagnato dal mio ospite e chiedo un accredito tramite Arra. L’impiegato dietro lo sportello vuole vedere il mio com, gli passo quello di platino per pochi secondi. Nonostante la transazione sia elettronica come in tutte le banche del mondo, l’impiegato scrive un sacco di cartacce e pure un registro.

Alla fine mi passa un sacchetto di dinar d’oro che ha contato e ricontato tre volte. Dopo una breve trattativa, con un paio di pezzi riscatto il mio cimelio e il mio burbante accompagnatore mi lascia.

Arra mi avvisa che il nostro velivolo a Tabriz è pronto per ripartire, mancano solo i documenti di volo, ma sono solo un altro espediente per dare fastidio. La guardia doganale, vera o falsa che fosse, se n’è andata con le pive nel sacco e l’autorità locale, minacciata da un potenziale incidente diplomatico, non ha nessun motivo per trattenerli.

Possono venire a prendermi a Tbilisi che ha un aeroporto internazionale. Io sono a circa centoquaranta chilometri di distanza e devo trovare un mezzo di locomozione.

Chiedo informazioni, ma ricevo risposte imprecise, si c’è una corriera, ma non sanno se parte anche di pomeriggio, devo chiedere al municipio dall’altra parte della piazza.

Esco dalla banca e ora nevica, ho i pantaloni bagnati e le gambe sono gelate. C’è un negozio con vecchi manichini demodé un po’ scrostati esposti in vetrina. Entro per cercare indumenti asciutti e mi colpisce un odore conosciuto.

L’inconfondibile, intercontinentale, interdimensionale miscuglio di muffa, sudore e cose vecchie che genera il puzzo di caserma. Una donna anziana mi guarda con curiosità e mormora quello che sembra un saluto. Mi avvicino a un rack di pantaloni da lavoro color kaki e a gesti chiedo la mia taglia.

A volte mi dimentico delle possibilità comunicative di Arra o forse inconsciamente provo ad arrangiarmi da solo. Cerco anche un giaccone nuovo. I modelli sono orribili, i colori peggio, lo so in fondo sono uno snob, ma mi devo accontentare.

Mi cambio in fondo al negozio seduto su una vecchia latta di vernice capovolta. Compro anche una borsa dove infilo i pantaloni bagnati e un cappellaccio verdone quasi uguale alla giacca.

Pago con una moneta d’oro e ne ricevo una manciata in alluminio di resto. Gli autobus per Tbilisi partono solo il mattino presto, qui dalla piazza principale e ci vogliono quattro ore. Non ci sono auto pubbliche o taxi. Che ci faccio qui fino a domani?

Esco per vedere se ci sia qualcosa di interessante e girello per la piazza cercando di immaginare il modo di procurarmi una vettura. Mi piazzo vicino alle macchine e mi accorgo che un gruppo di uomini, davanti al municipio, non mi perde d’occhio un attimo.

La cosa non mi riempie di gioia. Uno di loro si stacca dal gruppo e viene verso me.

 continua…

Il Viaggiatore – 26° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

9° giorno martedì 24 set

Scendiamo con le prime luci dell’aurora che incorona le montagne, su di uno spiazzo libero dalla neve.

Il nostro velivolo viene inghiottito da un hangar su misura, scavato nel fianco del monte. Jorgo m’infagotta in una specie di parka con il collo di pelliccia. Il vento soffia talmente gelido che m’intirizzisce, anche se camminiamo solo una cinquantina di metri.

Sulla porta di bronzo spalancata, ci accoglie un monaco in abito arancione, con una spalla nuda, probabilmente atrofizzata dalla temperatura, che mi dà il benvenuto imponendomi le mani sulla testa.

Finalmente chiudono la porta, che dentro è di legno, imbottita di tessuto rosso. Parla, in non so che lingua, direttamente con Arturo e m’invita a gesti a sedere in un’ampia sala calda piena di cuscini.

Mi offrono un the dell’ospitalità che non posso rifiutare, anche se so che forse avrò bisogno di un giorno per digerirlo. Il the è caldo e sopra galleggiano le inequivocabili chiazze di burro di yak rancido, che il mio naso mi aveva anticipato da lontano.

La prima e speravo l’ultima volta che l’avevo assaggiato, era stata a New York, dove per fare gli spiritosi con gli amici, avevamo provato il ristorante Tibetano. Un sapore così orripilante non si può scordare mai.

Ne sorbisco un poco e tiro per le lunghe. Tutti hanno finito la loro tazza e sembrano aspettare me. Ingollo come fosse l’olio di fegato di merluzzo che mi propinava mia nonna Iside di mattino, quando avevo sei anni, prima di darmi una caramella. Solo che qui niente caramella.

Ora che abbiamo subito il supplizio, alcuni monaci giovanissimi portano delle focaccine ricoperte di miele. Latte e una specie di formaggio fresco. Sto quasi per servirmi quando Jorgo servizievole mi porge una ciotola di plastica con il doppio coperchio.

Ebbene sì, la longa manus di Arra ha fatto si che il mio fratello Enriquez, abbia confidato questo regalino direttamente al fratello Jorgo, solo per me.

Riso di Calasparra integrale bollito con poco sale a diecimila chilometri di distanza dall’Hispania e tutto mio! Lo so è per il mio bene. Tutti gradiscono le focaccine, io gradisco il mio dono hispaniolo. 😦

Mi fanno visitare il monastero. Dicono che abbia quattromila anni. E’ tutto costruito in pietra e s’incunea nella montagna per centinaia di metri. La cosa più sorprendente è una sala grandissima illuminata dall’alto in modo naturale da una serie di specchi.

In questo stanzone a temperatura tropicale coltivano ortaggi e frutta fresca per la mensa.

La mia camera è quella che dovrebbe essere la stanza più lussuosa del monastero. Un letto duro ma ci sono abituato. Una ruota di preghiera. Un tavolo di legno istoriato e due poltroncine, sempre di legno lucido. Una cassapanca di legno di canfora ed un attaccapanni con un piolo.

Senza neanche un libro morirò di noia. Giro la ruota tanto per muovere le mani e Arra mi fa:

Devi girarla nell’altro senso.

Come se facesse qualche differenza!

Non sottovalutare questi piccoli monaci, sono gli unici in questa dimensione ad impiegare le forze della mente in modo cosciente come facevano i miei creatori.

– Però! Ma cosa ci fanno con queste forze? –

Per esempio alcuni sono riusciti a levitare, altri a leggere il pensiero, vivono qui da migliaia di anni e pochi nel mondo moderno conoscono la loro esistenza. Loro sanno che io sono qui.

– Allora siamo scoperti! –

Non esattamente, non hanno la percezione che io sia frutto di una tecnologia superiore, ma captano l’aura che ti circonda e questo dà loro gioia.

Mentre giro la ruota soprapensiero, mi rendo conto che i simboli che passano sotto le mie mani sono gli stessi incisi nel metallo di Arra. Alla mia muta interrogazione Arra risponde:

Generosità, etica, pazienza, diligenza, rinuncia, saggezza, sono simboli molto antichi…

continua…

Il Viaggiatore – 21° Puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Così passo il pomeriggio a risanarmi, tra dolori lancinanti sì, ma a fin di bene. Dopo il trattamento schiacciasassi cado come in catalessi e mi sveglio tutto sudato a notte inoltrata.

Arra mi comunica che ora è tutto a posto, compresa l’ipertensione, i nei e le emorroidi. Mi trascino nel mastodontico bagno e mi faccio la doccia più lunga della mia vita.

Credo di aver passato un’ora sotto la sferza del potente getto di acqua calda. Devo aver consumato la scorta di tutto il castello. Già ora mi posso grattare la schiena da tutte e due le parti!

Arra mi sottopone la necessità di allenare i muscoli che sono rimasti inattivi negli ultimi anni. Ha preparato un bel programmino per me. Quasi come quello che mi aveva regalato mia moglie per Natale l’anno scorso.

Povera cara chissà come sarà in pensiero per me, chissà se la rivedrò un giorno. Torno a dormire senza zoppicare, una sensazione meravigliosa, stiro entrambe le braccia senza slogarmele, sprimaccio il cuscino di piuma e mi addormento di colpo.

7° giorno domenica 22 set

Jorgo mi sveglia a mattino inoltrato. Il tavolo ospita una colazione pantagruelica, ma stranamente non ho fame. Mi sento bene, ma riesco a bere solo l’acqua calda del the e ne bevo tre tazze piene con Jorgo che mi guarda stralunato.

– Tutto bene fratello? –

– Non sono mai stato così bene, non ci sarebbe qui qualche… specie di palestra per sgranchire i muscoli? –

Mentre contemplo le prime caute indicazioni di Arra sulla mia ripresa fisica, vedo il suo viso si allargarsi in un sorriso orgoglioso.

– Questo è il centro dove i migliori Guardiani ricevono gli alti gradi in tutte le arti marziali della terra. Ti accompagno subito nelle palestre, aspetta solo qualche minuto. –

Tempo solo di lavarmi i denti con la solita polvere alla salvia, mentre penso se funzionerebbe qui una bella industria di dentifrici in tubetto.

Torna vestito in una specie di tuta nera elastica monopezzo che mette in risalto tutti i muscoli e mi porge un indumento simile al suo. Taglia unica mi dice, indossalo senza slip o magliette è fatto apposta.

È un tessuto morbidissimo e forte nello stesso tempo come una specie di microfibra, sembra un po’ plasticoso. Più che indossarlo mi ci infilo come in un preservativo, passando dal collo, è aderente e mai stretto anche se sostiene dove deve.

Mi guardo nello specchio con una smorfia alla vista delle mie cicce sparse dove non dovrebbero. Inutile che trattenga il respiro, qui si vede tutto. Scendiamo in un salone sotterraneo dove una decina di atleti, in altro modo non posso chiamarli date le proporzioni adoniche, si stanno allenando.

La sala scavata nel tufo è piena di macchine strane che mi sembrano più strumenti di tortura che tapis roulant. Jorgo mi presenta al maestro d’armi Arturo, anziano guerriero, barbetta corta e capelli a spazzola ormai bianchi. La sua stretta di mano rapida e asciutta è talmente forte da sembrare uno schiocco.

Sa chi sono, mi tratta con un rispetto quasi imbarazzante e mi prescrive una routine completa, ma evidentemente leggera. Ho ancora tantissima sete, ma riesco a bere solo bicchieri di acqua calda.

Come mi ha detto Arra il mio organismo deve eliminare una serie infinita di sostanze indesiderate che si sono accumulate negli anni. Anche buona parte dei batteri simbionti del mio intestino sono destinati, nel giro di poco, ad essere sostituiti con colleghi approvati in tutte le galassie. Mi issano, praticamente di peso, su di una macchina complicata.

– Infila i piedi qua e le ginocchia qui. –

– click –

Bloccati.

– Stringi queste maniglie –

– clack –

Ammanettato anche ai gomiti da morbide bande elastiche. Sono prigioniero dello strumento di tortura più grande della palestra.

continua…

Il Viaggiatore – 20° Puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

– E’ una manifestazione del diavolo… –

Una voce tremante grida dall’anfiteatro.

– E’ tecnologia fratelli, nulla di magico, nulla di diabolico. E’ piccolo come il comunicatore che avete in tasca, ma molto più potente. Il Pontefice e la sua Curia ci devono molte spiegazioni e non credo che questa volta possano arrampicarsi sugli specchi, come hanno fatto l’ultima volta con le guarigioni miracolose di Krakow. –

– Grazie Marco per la dimostrazione, ora dobbiamo discutere su quello che faremo in futuro. Sei naturalmente invitato a partecipare, ma non sentirti obbligato a restare. Abbiamo anni di rugginose questioni interne da risolvere. –

Capito, meglio non addentrarsi nelle beghe sotterranee di una confraternita così potente. Esco in sordina, seguito comunque da sguardi tra l’incredulo, l’adorante e il disgustato.

– Arra, ma saresti anche in grado di compiere delle guarigioni o addirittura risuscitare i morti? –

Posso riarrangiare la struttura molecolare di un corpo e rimetterla in ordine, ridare la vita, sì. Se però la mente non è stata duplicata prima, memorie ed abilità acquisite sono cancellate per sempre.

– Duplicare la mente? Vorrebbe dire immortalità. –

E’ un processo lungo e complesso, quello che i miei costruttori hanno messo in pratica.

– Dove sono ora? –

Non hai i mezzi per comprendere, ti basti sapere che sono come una forma di coscienza universale collettiva.

– Mmm… ci rinuncio, ma per tornare a quello che capisco, potresti risolvere la mia artrosi alla spalla? –

Ci vogliono solo pochi minuti, ma è meglio che ti sdrai su di un letto, non posso portare fuori dal tuo corpo tutte quelle calcificazioni che si sono formate nel tempo. Posso riattivare i tuoi meccanismi naturali, ma ci vorrà qualche giorno perché la spalla ritorni normale.

Arrivo nella mia enorme stanza e mi sdraio sul letto.

– Ah già che ci sei, mi sono rotto un ginocchio una trentina di anni fa e il menisco deve essere a brandelli, insomma vedi tu quello che non va e può essere aggiustato. – 🙂

Un dolore lacerante mi colpisce la spalla sinistra, è come un pugnale che scava in tutti punti dove fa più male. E’ un dolore quasi inaudito, sono teso e sudato.

Riesco a non urlare perché, negli stessi punti, sento come un segnale di benessere che rende il tutto appena sopportabile.

Passa un tempo incommensurabilmente lungo. La pendola sulla parete sembra immobile, mentre passano i minuti più dilatati della mia vita.

Sento la spalla come fosse un mucchio molliccio di materia informe, come una montagnola di carne trita in attesa di prendere la forma di hamburger. Non oso muoverla e Arra conferma di non provarci subito.

Ora il tormento passa al ginocchio, questa volta un bruciore come di ferri roventi che frugano facendo dolere parti che non sapevo neppure di possedere.

– Accidenti con tutta questa tecnologia che padroneggi, non potresti anche togliermi il dolore? –

Riesco appena a formulare nei confronti del mio torturatore.

Potrei se ti addormentassi, ma la guarigione sarebbe più lunga e poi mi serve il meccanismo del dolore per riattivare quelle terminazioni nervose che avevi smesso di controllare.

Ho capito, dappertutto è sempre la stessa storia, no pain no gain anche per i miracoli. 😦

continua…

Il Viaggiatore – 19° Puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

– L’enorme metropoli di Roma mi appare in tutta la sua grandezza dal finestrino dello strato jet privato con lo stemma delle croce che ci sta portando a destinazione.

Jorgo mi spiega che le punte, crociate a loro volta, della croce simbolizzano gli otto culmini del coraggio. Era il simbolo della Repubblica marinara di Amalfi.

Uno steward silenzioso mi serve delle tartine di salmone selvaggio, accompagnate da uno spumante lombardo, forse anche migliore del Loredan veneziano che avevo già gustato.

Deve averne una scorta inesauribile. Ne ho già consumato sei piattini e sono prossimo al limite di capacità umana. Se era solo un aperitivo forse ne ho abusato.

Ormai mi sto abituando a fare il riccone. Arriviamo in un aeroporto privato con una pista cortissima. L’aereo atterra in verticale.

Inservienti silenziosi si occupano del nostro magro bagaglio. La fortezza sorge sul cocuzzolo di una montagna, un monastero dell’anno mille, mi ragguaglia Jorgo.

Saliamo con un’auto elettrica direttamente in un cortile interno del forte. Un guazzabuglio di antenne di tutte le forme sovrasta le due torri più alte. Mi sistemano in una suite, grande il triplo del mio bel loft di Milano … 709D.

Boiserie di noce fino al soffitto, un enorme focolare con alari in grado di sopportare ceppi da un quintale. Gli armadi sono giganteschi, atti ad ospitare decine di passaggi segreti per ogni dove della fortificazione.

Il guardaroba è pieno di abiti grigio scuro della mia taglia e i cassetti della biancheria pure. Il castello sembra completamente autonomo ed impenetrabile a qualsiasi tipo di spionaggio umano ed elettronico.

Chiedo ad Arra conferma di quanto ho intuito e lui conferma, ponendo l’accento sul concetto di umano. Chiaramente un Viaggiatore come me, con l’aiuto suo, sarebbe in grado di superare senza problemi ogni tipo di barriera concepita da esseri umani.

Beh! È già qualcosa, ne deduco che per nuocermi deve venire o il papa Lorenzo VII in persona o il misterioso personaggio della più potente consorteria del mondo.

Mi avvisano che posso scendere per conoscere i Guardiani più influenti del mondo. Entro in un enorme spazio di tufo probabilmente un’antica sala del trono, illuminata da finestroni decorati a piombo.

Gruppi di persone disquisiscono animatamente. Fulco mi accoglie con le sue esili braccia aperte e mi presenta alcuni personaggi importanti di cui non ricorderò mai i nomi.

Suona un campanello argentino e tutti si dirigono verso una porta in fondo alla sala. E’ una specie di anfiteatro con un centinaio di posti e forse non basteranno per tutti. Il soffitto è a cupola, tutto affrescato con scene di caccia, i sedili sono grandi, scolpiti in legno massiccio e pelle rossa, un tantino scomodi.

Alcuni indossano una specie di tunica bianca con la croce di Malta sul petto e un cinturone intarsiato che regge una spada di altri tempi. Finiscono di sistemarsi e miracolo ci stanno tutti.

Su un lato della sala siedono quattro anziani e Fulco al centro. Mi fanno accomodare in uno scranno accanto a loro.

– Fratelli carissimi –

Esordisce il decano.

– Con grande dolore devo comunicarvi una triste notizia. Dopo numerosi secoli di sospetti, abbiamo oggi la certezza che i Papi e tutto l’apparato centrale di Roma, ci hanno tenuto nascosto un segreto in grado di distruggere tutto quello che ci hanno insegnato.

I tanto decantati miracoli nella lunga storia della nostra Madre Chiesa, sono il frutto di una tecnologia a noi aliena. Una tecnologia, talmente superiore alle nostre conoscenze, da rasentare quello che noi siamo stati indotti a credere opera divina… –

Un mormorio crescente percorre la sala, qualcuno protesta.

– Fratelli… vi prego… lasciatemi finire, so che il solo fatto di pensare a quello che comporta per tutti noi, per il Papato e per tutta la Chiesa vi possa sconvolgere, ma è purtroppo la verità. Ho visto con i miei occhi gli effetti di questo dispositivo… –

Altri mormorii.

– Fratelli! Un nostro Fratello venuto da molto lontano, possiede un altro esemplare di questo dispositivo, non so come chiamarlo, questo amuleto ed è qui per testimoniare quello che vi ho raccontato. Fratello Marco puoi venire qua accanto a me? –

Mi alzo in piedi e come d’accordo, comincio a levitare un paio di metri sopra lo scranno tenendo in mano il minuscolo, scintillante gioiello.

continua…

Il Viaggiatore – 16 ° puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Eccoci a Roma. Prendiamo un’auto elettrica comunale per girare la città, al deposito della stazione. Bella idea si guida con uno joystick e s’incanala automaticamente sulle vie prescelte.

Seguendo il consiglio di Jorgo seleziono un itinerario turistico, per farmi un’idea della metropoli. Arra si occupa di cancellare le nostre tracce.

Guardo curioso se riesco a vedere qualche somiglianza con la Roma 709D, ma mi sembra tutto diversissimo. Il mio stomaco maltrattato dalla fuga e dalle merendine impacchettate si vendica con acidi riflussi.

Dopo una noiosa mezz’ora, ormai all’imbrunire, chiedo a Jorgo di scegliere un albergo del centro. Lasciamo la macchina al deposito automatico che si apre sotto il marciapiede, facendola sparire in attesa di un nuovo cliente.

Cavalieri di Malta, una scritta gotica e la croce dentata mi accolgono con discrezione. Edifico austero quasi spoglio con mobili di legno scuro e massiccio.

Mi sdraio sul letto della mia stanza millenaria, con un sospiro e mi rendo conto di non avere neanche un indumento di ricambio. Neanche la mia scorta del resto.

Decido di dedicare un’oretta agli acquisti e di saltare la cena. Anche oggi ne ho viste abbastanza. Sono sicuro che è notte piena, tutto è silenzioso. Il bicarbonato ha fatto il suo effetto, ma sono sveglio. Sento come un movimento d’aria e salto giù dal letto.

– Arra stasi –

Sento la voce di Jorgo che dice:

– Signore, non faccia rumore, sono io. –

Vedo che è lui dall’altra parte della stanza e torno tangibile. Jorgo mi fa il segno di silenzio appoggiando il dito indice della mano destra sul lato sinistro del naso. Apre una porticina bassa celata dietro un arazzo e infila il suo corpaccio dentro il pertugio.

– Mi segua Signore, nessun pericolo. –

Scendiamo una scaletta ripida e tortuosa. Jorgo ha una specie di lampada, ma il suo corpo riempie talmente l’angusto corridoio che poca luce cade sui gradini di pietra irregolare.

Arriviamo in una stanza, sempre di pietra piuttosto freddina illuminata fiocamente in modo indiretto. Mi rendo improvvisamente conto di essere in pigiama azzurro di cotone e piedi nudi. Il calo di adrenalina me lo fa notare di colpo.

– Cosa sta succedendo Jorgo? –

Chiedo appena entrato.

– La stanza è controllata, ma qui siamo al sicuro Signore, anzi Fratello. Scusami se non ho risposto al tuo saluto quando ci siamo visti la prima volta. Sono momentaneamente in una loggia coperta e quindi non posso palesarmi ai fratelli se non in emergenza. –

Che mi venga un colpo! Il mio giochino della stretta di mano massone viene finalmente buono dopo trent’anni. Non mi può nuocere più di quanto il resto dell’avventura mi stia portando.

Chiedo a Jorgo cosa succede ora e se c’è qualcosa per coprirmi. Si scusa per essere stato così precipitoso, ma il suo sistema di security l’ha avvisato di un’improvvisa falla di controllo sulla stanza dove dormivo e allora ne ha approfittato subito.

Apre un’enorme cassapanca di noce nero e ne estrae un mantello di velluto rosso pesante con i bordi di pelliccia bianca.. ermellino? Mi sembra quasi quello di un Papa… caldo però.

– Chi ci controlla, chi stava spiando la stanza? –

– Quasi tutti ci stanno controllando, la polizia Vaticana in primis. Poi di sicuro la Compagnia Finanziaria Toscana, la longa manus della famiglia de Medici, che non capisce da dove vengono i soldi che spendi, più alcuni servizi segreti delle maggiori potenze del momento. Cinesi, Mongoli, Colombiani ecc. –

– E… voi chi siete? –

continua…