Il Viaggiatore – 23° Puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Si alza in piedi agitato e chiama a raccolta i suoi accoliti, quasi ride e si scusa con me per la cena, ma deve dirlo a tutti ed esce dalla stanza. Finisco il vino e il cameriere me ne versa un altro.

– Servo il consommé signore? –

– Si grazie –

Qualcosa di caldo mi farà bene. Sorbisco lentamente il magnifico brodo di piccione assaporandone ogni goccia. Il cameriere mi propone altre portate, ma mi sento a disagio ad approfittarne e comunque le cose solide non mi attirano oggi.

Esco in corridoio e tutti sono agitati dalla nuova proposta. C’è un gran via vai e tutti quelli che m’incrociano inchinano la testa in segno di rispetto. Mi dirigo verso la mia stanza e trovo Jorgo, anche lui si congratula con me per l’idea.

Forse in questo Mondo non c’è stato Edward De Bono e nessuno sa cosa sia il pensiero laterale.

Non è tardi e m’invita a visitare il castello. Sale piene di storia, di armature, di dipinti. Il pezzo forte per lui è però la sala delle comunicazioni nei sotterranei.

Un’enorme schermo occupa metà della stanza. Sembra la base di lancio di Cape Canaveral. Diecine di operatori in divisa sono intenti alle loro scrivanie, piene di altri schermi ed apparecchiature.

Chiedo il perché della divisa e lui mi spiega come la sicurezza di routine, per essere efficace, debba essere affidata ad un’organizzazione di tipo militare. Solo i posti di comando e non tutti, sono lasciati ai civili.

Vorrei chiedere che differenza c’è tra Guardiani civili e Guardiani militari, ma non voglio addentrarmi in una disquisizione di cui in fondo, non mi frega niente.

La biblioteca è splendida, una sala lunga una quarantina di metri, alta tre piani tutti tappezzati di volumi rilegati in pelle.

Domani mi piacerebbe passarci qualche ora. Chiedo al bibliotecario se hanno qualcosa di leggero da leggere, tipo romanzo. Me ne mostra un’ala intera, ma io ne vorrei uno piccolo, da tenere in mano a letto o in bagno, prima di addormentarmi.

Gli unici libri piccoli, stampati su carta riso sono libretti di meditazione, me ne consiglia uno particolarmente buono, che prendo solo per creanza.

Qualche altro piccolo giro sbadiglioso e poi mi ritiro per riposare. Arra mi ragguaglia sul mio stato e mi dice di aver dissolto anche le placche di colesterolo che m’ingombravano le arterie.

Per due giorni solo riso integrale e limonata senza zucchero a litri, altro che amontillado e cacciagione. Mi detta anche una ricetta medica con tutti gli oligoelementi che mancano al mio organismo.

Ci vorrebbe troppo tempo per ricavarli da una normale alimentazione. Dopo i lavaggi vado a dormire. Apro il libro che mi ha dato il fratello bibliotecario, “Parole di Luce”, commentate e discusse dal sinodo dei vescovi. 😐

In concreto un libro magico, mi addormento di colpo con la luce accesa. 😉

Sogno. Sogno di mia moglie quando eravamo giovani sulla spiaggia, il sogno si fa agitato, quasi carnale. La scena si evolve e ora sono sulla stessa spiaggia, di giorno con una maglietta corta e senza mutande.

Io cerco di coprirmi, ma tutti mi stanno guardando, specialmente due ragazze che ammiccano e scopro d’improvviso che sono le gemelle Iris e Ines.

Mi prendono e mi toccano sinuose, lascivamente e qui mi sveglio, in piena erezione con il pigiama tutto bagnato.

Non mi succedeva da chissà quanti anni. Vado in bagno a cambiarmi, ringalluzzito dalla nuova scoperta. Nuova esigenza anche, il mio corpo sta rispondendo alle cure e gli ormoni tornano a circolare.

Torno in camera allegro e felice e spengo la luce.

continua…

Il Viaggiatore – 22° Puntata


mia grecia piccola by Marcello Cividini

Ecco che comincia lo stretching. La macchina fa ruotare il mio corpo in modo che la gravità aiuti i movimenti estremi. Ora sono capovolto e mentre la mia spalla destra è bloccata, il braccio sinistro viene tirato a destra e via di questo passo.

Sistematicamente tutti i muscoli vengono stirati fino alla loro naturale? estensione. Come avverto una sensazione di dolore lo stiramento cessa e il muscolo viene non solo rilasciato, ma compresso isostaticamente alla minima contrazione possibile.

Non sono mai stato un assiduo frequentatore di palestre. Se avessi saputo di una macchina simile, mi sarei sicuramente comportato altrimenti. Non posso fare a meno di emettere gridolini di dolor, sollievo, piacere anche, nel sentire stiracchiare muscoli diventati ignoti alla mia coscienza.

Jorgo sta combattendo con un bastone di bamboo con il maestro d’armi. Il maestro salta come un grillo e glie le sta suonando di santa ragione, mentre grida:

– Chiudi gli occhi. Non devi vedere dove sto, devi sentire dove sarò, bravo così. –

Nello stesso istante fa una giravolta sinistrorsa colpendolo alle spalle. Io son più che sudato, sono gocciolante e mi brucia un occhio. La macchina finalmente si ferma ed esco barcollante.

Mi gira anche la testa, ma la sensazione scompare dopo un paio di tazze di tisana che Jorgo, sudato pure lui, mi porge mentre sediamo su di una panca. Arturo in piedi a gambe larghe di fronte a noi, con le mani appoggiate alla sommità del bastone, non ansima nemmeno.

Bene per oggi Marco, è meglio andarci piano all’inizio. Il nostro decano Fulco mi ha concesso l’onore di occuparmi della tua sicurezza. Jorgo e altri miei allievi come lui saranno sempre con noi.

Torno in camera, ridoccio e mi sdraio un momento sul letto. Sei ore dopo mi sento meglio. Non mi riconosco più, non mangio da ventiquattro ore e tranne la seduta in palestra, ho in pratica sempre dormito.

Jorgo mi avvisa che il decano mi ha invitato a cena, per comunicarmi quello che l’assemblea degli anziani ha deciso, dopo un giorno e una notte di discussioni. Mi scelgo un vestito grigio ferro un po’ da prete, che mi calza a pennello e una camicia solo un poco più chiara.

Fulco mi riceve nel suo ufficio privato dove è stata allestito un tavolo per due, mi abbraccia e:

– Scusami fratello Marco per averci messo tanto a decidere, ma quello che hai visto è ormai un gruppo di vecchi che seguivano un sogno. Siediti alla mia mensa. –

Come ci sediamo un cameriere discreto ci riempie due piccoli calici di vino bianco dorato.

– Un grande sogno e un terribile dubbio, il sogno si è infranto perché il dubbio si è trasformato nella verità che tanto abbiamo temuto. Abbiamo lottato per secoli per difendere la fede, militando tra le file di una religione che usava la menzogna al posto della verità. Ora siamo come svuotati da ogni significato dato alle nostre azioni di tutta la vita. –

Io non ho mai creduto ai miracoli e tantomeno a nessuna delle ottomila religioni diverse. Io vedo la cosa da un punto di vista completamente differente. Mi rendo conto però del dramma che sta passando il mio ospite.

Il primate tace pensieroso. Assaggio con compunzione il vino che mi sembra un ottimo Amontillado. Mi rendo conto che devo dire qualcosa… almeno di circostanza. Oppure tirar fuori un’idea semplice, da problem solver, quelle che mi facevo venire alla svelta per lavoro, solo pochi anni luce? fa… forse…

– Fulco, la scoperta di una civiltà che ha saputo fabbricare questo dispositivo meraviglioso non risolve il problema di chi ha creato l’universo. Forse ci vorrebbe un nuovo Concilio. Non dovete perdere la fede, dovete solo dirottarla su qualcosa di più alto, più incomprensibile, più divino se posso permettermi di usare questa parola. –

Il suo viso scuro e tormentato s’illumina ad un tratto e sbotta:

– Un Concilio?… si… un’idea penso… potremmo… suggerire questo a Lorenzo VII. –

continua…